Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro

B01M1IOQ48
Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro
  • contemporaneo e designer
  • pelle
  • importati
  • suola di gomma
  • punta arrotondata
  • suola flessibile
Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro Joie Womens Duha Fashion Sneaker Bianco / Oro

Balamasa Donna Fibbie In Metallo Cunei Charms Pompe In Uretano Rosa
 della  connettività 4.5G  inizieranno dopo l’estate a Milano e Torino, ma successivamente si espanderanno anche a  Roma, Napoli e Palermo . Giovanni Ferigo, responsabile Technology di Tim, ha dichiarato che “è iniziata la  transizione verso il 5G , che intendiamo governare gradualmente e senza scossoni.”

Novità anche per la rete fissa, tutte improntate sulla nuova  Diadora Mens N92 Scarpa Da Skate Eclisse Totale / Grigio Viola
 che TIM sta espandendo in tutto il Paese. L’obiettivo è quello di portare a più clienti possibili le connessioni con  banda ultralarga , e già nei mesi precedenti ci sono state molte Reebok Womens Skycush Casual Track Shoe Color Lavanda / Lavato Prugna / Bianco
.

La proposta di Baretta nasce dalla constatazione che chi ha cominciato a lavorare dopo la metà degli anni ’90 si è trovato davanti a un mercato del lavoro senza regole certe e preda della crisi economica, con buchi contributivi che mettono a repentaglio la possibilità di arrivare alla pensione con un assegno sufficiente a garantire una vecchiaia dignitosa.

  • Nike Mens Air Max Excellerate 4 Gioco Di Scarpe Da Corsa Royal / Concord
  • Inmonarch Mens Magenta Broccato Scarpe Da Sposa Mj0084
  • A che punto è la proposta

    Dell’idea si parlerà al tavolo aperto da sindacati e governo sulla seconda fase della riforma del sistema pensionistico. Quello stesso tavolo al quale i sindacati chiedono di bloccare  lo spostamento dell’età pensionabile a 67 anni nel 2019  e che il presidente dell’Inps Tito Boeri ha già bocciato.

    Tags:   Supporto Per Attrezzatura Da Uomo Adidas 93/16 nero / Nero / Bianco Vintage
    Universita

    Una nomina a tempo di record per la figlia di Michele Santeramo, capo delle relazioni industriali nell'azienda del trasporto pubblico Stp, al quale i vertici nazionali chiedono di fare un passo indietro. L'incarico prevedeva la laurea magistrale. "Ma la Stp non è tenuta a bandire concorsi pubblici"

    di ANTONELLO CASSANO
    28 giugno 2017
    Una promozione in tempi record, a pochi giorni dalla laurea. Un miracolo in una regione alle prese con il dramma della disoccupazione. Il miracolo in questione ha riguardato Barbara Santeramo, figlia del sindacalista Michele Santeramo, segretario provinciale della Ugl e capo delle relazioni industriali in Stp Bari, Società trasporti provinciale, fino a qualche giorno fa. Tutto parte proprio dalla Stp, azienda di trasporto pubblico locale (partecipata dal Comune di Trani e dalla città metropolitana di Bari) che cerca un nuovo dirigente amministrativo. Per quella posizione si candida anche la figlia del sindacalista.

    Le date qui sono importanti perché Santeramo, 37 anni, lavora da almeno dieci anni in Stp ma non ha la laurea magistrale, necessaria per ricoprire il nuovo ruolo. Si laurea così il 6 giugno (laurea magistrale in giurisprudenza con 110 e lode). Appena nove giorni dopo, il 15 giugno, ottiene il posto da direttrice amministrativa. Tutto senza concorso pubblico o selezione interna. La vicenda finisce in rete e scatena polemiche. Anche perché qualche giorno prima le segreterie provinciali di tutti i sindacati, fra cui la stessa Ugl guidata dal papà, avevamo inviato una lettera all'azienda in cui comunicavano l'avvio di una procedura di raffreddamento, elencando proprio problemi occupazionali, come la mancata assunzione di operatori di esercizio "vincitori di concorso", l'assunzione di personale interinale "per un periodo non previsto dalla contrattazione nazionale" e la mancata erogazione di premi di risultato.

    Nessuna parola però sulle procedure di assunzione. A quanto pare, la scelta di nominare la figlia di un segretario provinciale coglie di sorpresa tutti, le altre sigle sindacali e addirittura il papà della neodirigente: "Non ne sapevo nulla - dice ora Michele Santeramo, segretario dell'Ugl - mia figlia non mi aveva avvisato della nomina. Neanche l'azienda aveva comunicato la novità a tutte le organizzazioni sindacali. Avremmo quantomeno chiesto delucidazioni in merito. Ma di sicuro il mio ruolo non ha influito minimamente sulla nomina".

    La vicenda è arrivata anche ai vertici nazionali del sindacato, che hanno contattato Santorsola chiedendogli di farsi da parte: "La segreteria nazionale - rivela Santeramo - mi ha scritto una lettera accorata chiedendomi di astenermi dalle relazioni sindacali in Stp e io l'ho fatto per spegnere qualsiasi tipo di polemica. Ma non mi sento in colpa per qualcosa. Ho soltanto accettato il consiglio del segretario nazionale".